Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Chiudendo questo banner, accetti e acconsenti all'uso dei cookie sul tuo dispositivo. Per saperne di più clicca su  Cookie Policy

Ok

Ecco come sistemare il giardino in autunno

Dopo una lunga esposizione ai raggi del sole tutti i tuoi complementi d’arredo giardino avranno sicuramente bisogno di un’accurata pulizia e di un po’ di manutenzione prima della stagione invernale.

L’arredo in plastica non necessita di cure particolari. Tanta acqua e qualche goccia di sapone di Marsiglia possono essere sufficienti.
Maggiore attenzione meritano i mobili da giardino in plastica colorata. Questi infatti rischiano di perdere il loro colore originario. I teli protettivi in poliestere sono un’ottima soluzione.

Con l’arrivo dell’autunno rimuovi le parti tessili dei tuoi mobili da giardino e lavale a mano o in lavatrice. Prenditi cura anche delle fibre intrecciate del polirattan. Qui polvere e sporco si accumulano in abbondanza. Solo con l’aiuto di un pennello o di una spazzola a setole morbide è possibile raggiungere un buon livello di pulizia.

Più delicati invece sono i mobili da giardino in legno. Dopo aver rimosso la polvere accumulata con una spatola apposita possiamo nutrire il legno con lo speciale olio per arredi da esterno.

 

Prenditi cura del prato...

Dopo aver riposto gli arredi, iniziamo ad occuparci del giardino, affinché il passaggio verso la stagione fredda risulti meno traumatico.
Innanzitutto liberiamoci dalle erbacce che lo infestano, tagliamo i rami secchi e prepariamo il terreno per nuove piantagioni.

È fondamentale effettuare tutta una serie di lavori nel prato, che permettano una pronta ricrescita dell’erba e che al tempo stesso ne rinforzino lo stato di salute, proteggendolo da attacchi di funghi e parassiti.

  • Taglio
    L’erba dovrebbe essere tagliata ogni 8-10 giorni fino alla fine di ottobre; è importante che i tagli vengano eseguiti su un tappeto erboso perfettamente asciutto, in quanto i mezzi di taglio che lavorano su un terreno umido possono creare danni difficilmente recuperabili. Inoltre in autunno è importante asportare l’erba tagliata dalla superficie poiché può favorire l’insediamento di funghi pericolosi .
  • Fertilizzazione
    Con l’arrivo delle prime piogge autunnali, consigliamo di riprendere 
    gli interventi di concimazione: le fertilizzazioni in questo periodo servono a sostenere la ripresa del tappetto erboso e consentono la ripresa delle riserve energetiche del prato, in vista del riposo invernale.
  • Arieggiatura
    Dopo aver tagliato l’erba e rimosso i detriti, si può procedere con 
    le pratiche di arieggiatura: sono necessari piccoli strumenti a spinta o a motore, in grado di incidere o tagliare il terreno anche a modeste profondità.
  • Risemina
    L’autunno è anche un momento propizio per la semina di nuovi tappeti erbosi.

 

…e proteggi le piante dal freddo

La prima cosa da fare per proteggere il giardino in autunno è identificare le piante che potrebbero essere maggiormente colpite dal freddo. Se si tratta di piante in vaso basta spostarle in una zona riparata o al chiuso, mentre se si tratta di piante poste nel terreno, è bene coprirle con dei teli di plastica. I teli devono rigorosamente essere trasparenti, infatti la pianta ha sempre bisogno di essere irradiata dalla luce solare anche in inverno.

Un errore comune durante la stagione fredda è quello di smettere di annaffiare le piante. Esse in realtà potrebbero comunque avere bisogno di acqua, soprattutto nei climi invernali secchi. Non bisogna dunque smettere di annaffiare le piante nemmeno quando l’aria è fresca, specialmente quelle in vaso. L’acqua va somministrata alle piante solo quando e se necessaria, quindi bisogna osservare lo stato del terreno regolarmente e rendersi conto se è necessario oppure no annaffiare.

 

L'importanza di raccogliere le foglie

Con il freddo le sostanze nutritive presenti nelle foglie si trasferiscono nel tronco, la clorofilla si degrada e di conseguenza le foglie cambiano colore, si ingialliscono finché si indeboliscono e cadono… ed è bene non lasciarle accumulare sul terreno poiché, accumulandosi, impediscono ai raggi solari di giungere al terreno ed inoltre costituiscono un pericolo poiché rendono scivolose le pavimentazioni.

Se si dispone di un giardino di piccole dimensioni basterà utilizzare dei comuni rastrelli metallici a denti stretti.

Se invece il giardino da pulire è di grandi dimensioni è più comodo ed efficace affidarsi a degli strumenti specifici che garantiscono una pulizia del terreno comoda e veloce.

Il soffiatore può svolgere la duplice funzione di erogare il flusso aria che movimenta i detriti e le foglie, ma anche quello di aspiratore e trituratore. La scelta del tipo di soffiatore va fatta tenendo presente la grandezza del giardino e quindi di conseguenza la potenza dello strumento stesso.
Scopri i diversi modelli disponibili nel punto vendita Axel più vicino a te. Il tuo rivenditore saprà consigliarti quello più adatto alle tue esigenze.